Pietra di Bismantova: periplo e sommità

Pietra di Bismantova: periplo e sommità

Escursione alla splendida Pietra di Bismantova lungo il sentiero 697, che ne compie il periplo, e la deviazione sul bordo del panoramico altopiano sommitale.

pianoro sommitale Pietra di Bismantova
Sul pianoro sommitale della Pietra di Bismantova

La traccia è stata disegnata manualmente e potrebbe presentare imperfezioni e/o inesattezze. 

Clicca su “Maggiori informazioni” per più dati (profilo altimetrico compreso) e per scaricare la traccia.


MAPPA DI LOCALIZZAZIONE


SINTESI DESCRIZIONE:

Da Piazzale Dante, punto terminale della strada che da Castelnovo sale alla Pietra di Bismantova, si imbocca il sentiero 697 passando alla base del muro di arenaria.
Una ripida salita permette di giungere sul pianoro sommitale della montagna.
Abbandonando, provvisoriamente, il sentiero 697, ci si porta sul bordo del baratro ad ammirare lo splendido panorama circostante.
Dopo aver superato l’impercettibile vetta e il punto di arrivo della Ferrata degli Alpini, si torna a recuperare il tracciato 697 tramite il quale si scende a tagliare il versante settentrionale della Pietra giungendo a Campo Pianelli, limite settentrionale del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e luogo di insediamento preistorico.

Senza mai abbandonare il medesimo segnavia, si supera una zona caratterizzata da grossi blocchi franati innumerevoli anni fa e, di seguito, si cammina lungamente ai piedi del fianco orientale della Pietra.
Toccata la Via Crucis di Casale e l’area picnic dell’Orto dei Frati, si risale alla Foresteria San Benedetto e al vicino Piazzale Dante.

Pietra di Bismantova Ferrata degli Alpini
La parete terminale della Ferrata degli Alpini

DESCRIZIONE COMPLETA:

Parcheggiata l’auto in Piazzale Dante (q. 885 m. circa), punto terminale della strada che da Castelnovo sale alla Pietra di Bismantova, seguo la scalinata che conduce ad un balcone panoramico affacciato sull’alto Appennino, dal modenese al parmense, passando dalle più alte cime del reggiano.

Pietra di Bismantova
Pietra di Bismantova da Piazzale Dante

Proseguo nella salita. Supero il bivio con il sentiero 699A che conduce alla Ferrata degli Alpini e, appena oltrepassato il Rifugio della Pietra, a pochi passi dall’eremo dedicato alla Madonna di Bismantova ed edificato nel 1617, svolto a sinistra seguendo le indicazioni per la sommità (segnavia 697, qui coincidente con il lungo Sentiero Spallanzani-S.SP.).

Cammino alla base dell’incredibile muro di arenaria dove diverse persone stanno arrampicando.

Pietra di Bismantova sentiero 697
Il versante sud della Pietra di Bismantova

Alcuni squarci nel bosco regalano splendide visuali verso l’alto Appennino. Purtroppo, oggi le cime del crinale principale risultano immerse nelle nuvole.
Appaiono pure le case di Castelnovo prima di superare anche la deviazione per la Ferrata Ovest dell’Ultimo Sole.

Appennino reggiano
Vista verso il Monte Ventasso

Una ripida salita scalinata permette di valicare un punto debole del balzo roccioso e mi ritrovo in cima al pianoro che caratterizza la parte superiore della Pietra.

sentiero 697 Pietra di Bismantova
Salita al pianoro sommitale

Pervenuto al bivio per la cima, seguo l’ampio tracciato che si inoltra in salita nel bosco abbandonando, momentaneamente, il sentiero 697.
Uscito dalla vegetazione mi porto sull’orlo del baratro.

Pietra di Bismantova punto panoramico
Punto panoramico sulla Pietra di Bismantova

Il panorama è sublime sui dolci pendii circostanti e le cime dell’Appennino reggiano con il Ventasso davanti all’Alpe di Succiso poi il Cavalbianco, il Sillano e, un po’ più a est, il Prampa e il Monte Cisa seguiti dal Cusna, massima elevazione della provincia e seconda di tutto l’Appennino settentrionale. Lo sguardo, comunque, spazia anche verso il parmense e il modenese.

Cammino in senso antiorario su traccia battuta attraverso il dolce paesaggio dell’altopiano, completamente differente da quello del vicino precipizio.

Pietra di Bismantova altopiano
Attraverso il dolce altopiano

Ogni tanto mi affaccio sulla vertiginosa parete.
La vista si estende, ora, anche sulla vallata del Fiume Secchia. Ai miei piedi il parcheggio da cui son partito.

Pietra di Bismantova vista
Vista dalla Pietra di Bismantova

Supero l’impercettibile sommità (q. 1041 m.) poi il punto di arrivo della Ferrata degli Alpini.
Poco oltre, abbandono il bordo dell’altopiano per scendere dolcemente, affiancato dagli alberi, fino a recuperare il sentiero 697.

Ferrata degli Alpini Pietra di Bismantova
L’arrivo della Ferrata degli Alpini

Proseguo in direzione di Campo Pianelli.
Mantenendomi sul tracciato 697, oltrepasso la biforcazione con il sentiero 699 e perdo quota fino ad incrociare, presso un fabbricato in pietra (Cà di Lovastrel, q. 885 m.), il percorso 697A, veloce alternativa per tornare al punto di partenza.

Castelnovo ne' Monti
Castelnovo ne’ Monti

Continuo ancora lungo il sentiero 697 e, tagliando il poco pendente versante settentrionale della Pietra, in alcuni minuti giungo a Campo Pianelli (q. 825 m. circa), limite settentrionale del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e luogo di insediamento preistorico.

Campo Pianelli Pietra di Bismantova
Campo Pianelli

Procedo su ampio tracciato e, alcuni minuti più tardi, lascio il percorso principale del Sentiero Spallanzani per proseguire verso Piazzale Dante (segnavia 697).
Da questo versante la Pietra è priva della sua caratteristica bastionata rocciosa.

versante nord-est Pietra di Bismantova
Il versante nord-est della Pietra di Bismantova

Oltrepasso il bivio con il sentiero 699, proveniente dall’altopiano e scendo sotto quota 800 m., limite inferiore dell’escursione. L’area, prevalentemente boschiva, è punteggiata da blocchi di roccia franati innumerevoli anni fa. Su uno di essi qualcuno ha raffigurato un’immagine religiosa.

sentiero 697 CAI RE immagine
Immagine lungo il sentiero 697

Seguendo i numerosi segnavia bianco-rossi, cammino lungamente ai piedi del fianco orientale della Pietra.
Toccata la Via Crucis di Casale e l’area picnic dell’Orto dei Frati, risalgo alla Foresteria San Benedetto e al vicino Piazzale Dante.

Pietra di Bismantova versante est
Pietra di Bismantova: versante est

DATI ITINERARIO:

  • Escursione effettuata nel Settembre 2021
  • Durata*: 1h50′
  • Tempi progressivi*: Piazzale Dante – Sommità Pietra di Bismantova (40′) – Cà dal Lovastrel (1h05′) – Campo Pianelli (1h15′) – Piazzale Dante (1h50′)
    *I tempi inseriti sono puramente indicativi e corrispondono in parte a quanto indicato nella segnaletica presente in loco e in parte a quanto da me impiegato.
  • Dislivello: +350 m./ -350 m. circa
  • Difficoltà: E (Escursionistica)
  • Carta escursionistica: GeoMedia – Carta escursionistica n. 2 – L’Appennino Reggiano – 1:25000
  • Accesso: Da Reggio Emilia raggiungere Castenovo ne’ Monti dal quale si imbocca la strada per la Pietra di Bismantova percorrendola fino al suo termine, in Piazzale Dante.
  • Trasporti pubblici: Autobus Seta da Reggio Emilia fino a Castelnovo ne’ Monti (linea 46) (https://www.setaweb.it/).
    Da Castelnovo si sale a piedi con il sentiero 697A, via Cà Pavoni, collegandosi all’anello descritto a Cà dal Lovastrel oppure con i tracciati 697A poi 697, via Casa Pattino, fino a Campo Pianelli (circa 40′ complessivi a/r). Può convenire salire dalla seconda opzione e scendere dalla prima.

COMMENTI E NOTE:

  • Percorso breve ma interessante con la splendida visione della Pietra di Bismantova da quasi tutti i versanti.
  • L’itinerario si sviluppa in parte nel bosco e in parte su spazi aperti e panoramici.
  • Non ci sono particolari punti difficoltosi. Solo ripida la breve salita terminale all’altopiano sommitale. Meglio evitare di sporgersi troppo sul bordo del baratro, nel caso ci si voglia avvicinare.
  • E’ possibile ridurre l’escursione sia, una volta giunti a Cà dal Lovastrel, tornando direttamente indietro tramite il sentiero 697A, evitando il periplo della montagna, che tagliando un poco utilizzando il sentiero 699 evitando, in tal modo, sia di passare da Cà dal Lovastrel che da Campo Pianelli.
  • Volendo allungare un poco il percorso, si può partire da Castelnovo ne’ Monti, da Campolungo, da Casale, da Ginepreto, da Carnola o, più lungamente, da Vologno (più sotto, nello spazio dedicato alle Altre escursioni pubblicate in zona, il link alla relativa descrizione).
  • L’escursione può svilupparsi indifferentemente in entrambi i sensi.

Altre escursioni pubblicate in zona:


Hai mai effettuato questo percorso?
Vuoi qualche informazione in più oppure vuoi segnalare, aggiungere o correggere qualcosa?
Ti invito a commentare o a contattarmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *