Alla Croce di Monte Scale dalle Torri di Fraele

Alla Croce di Monte Scale dalle Torri di Fraele

Breve escursione ad anello sui sentieri del Parco Nazionale dello Stelvio con la salita alla Croce del Monte Scale da cui si può godere di una visuale superlativa verso la conca di Bormio, la Val Viola Bormina, la Valle di Fraele e tutte le montagne circostanti.

Laghi di Cancano
I laghi di Cancano visti dal Monte Scale

Guarda la traccia del percorso sulla mappa di Google.

La traccia è stata disegnata manualmente tramite Viewranger e potrebbe presentare imperfezioni e/o inesattezze.


MAPPA DI LOCALIZZAZIONE


DESCRIZIONE:

Salito alle Torri di Fraele, lascio l’auto nel parcheggio a fianco della strada.
Le due torri (q. 1930 m. circa) sono state realizzate diverse centinaia di anni fa per controllare la via d’accesso che portava dalla Valtellina a Engadina e Germania.

Torri di Fraele Cancano
Le Torri di Fraele

Indossati gli scarponi, imbocco la mulattiera militare che procede verso est (segnavia 197.1) in direzione del Monte Scale.
Guadagno quota con numerosissimi tornanti circondato dai pini avvicinandomi alla mole del Monte Scale.

Monte Scale
Monte Scale

Oltrepasso la deviazione per la cappella di Santa Maria Regina dei Martiri.

Giunto sotto le verticali pareti del Monte Scale la mulattiera si trasforma in sentiero a causa delle frane che hanno interessato il pendio ripidissimo.

Cammino fra le ghiaie con il tracciato che in diversi punti si fa molto stretto tagliando l’erto versante detritico.

Oltre le case di Valdidentro, poste circa 1000 metri più in basso, si innalza Cima Piazzi con il ghiacciaio che ne ricopre parte della sezione sommitale.

Monte Scale sentiero 197.1
Salendo tra ghiaie per il sentiero 197.1

Dopo un tratto un po’ esposto, il percorso si allarga per qualche metro mostrandosi nell’aspetto originale con i muretti di sostegno.
Superata una dorsale, il sentiero procede, inizialmente, senza grandi variazioni di quota nel versante meridionale della montagna.

Riprendo a salire fra i detriti facendo un po’ di attenzione in alcuni punti franati.
Alcune catene rendono più sicuro il passaggio in qualche tratto esposto.

sentiero Monte Scale Valdidentro
Lungo un tratto attrezzato salendo a Monte Scale

La vista è sempre splendida verso la Valtellina, Cima Piazzi e le montagne di confine con la Svizzera.

Tutto ad un tratto appare la Caserma Monte Scale, testimonianza della Grande Guerra posta all’interno della cresta che unisce le due cime (ovest ed est) del Monte Scale.

Caserma Monte Scale Parco Stelvio
Caserma Monte Scale

Giunto all’edificio scopro che le condizioni sono ancora abbastanza buone e alcuni pannelli informativi illustrano la Prima Guerra Mondiale in Valtellina.

Con un breve tunnel pervengo nel versante opposto del monte.

Caserma Monte Scale tunnel
Il tunnel della Caserma Monte Scale

Il paesaggio è notevolmente differente.
Al dirupato versante meridionale fa da contrasto questo erboso e decisamente meno erto fianco settentrionale.
Alla mia sinistra la conca della Valle di Fraele è occupata dai laghi di Cancano. Davanti il Piz Schumbraida e le altre cime che separano quest’angolo d’Italia con la svizzera Val Mora. Poco più a est la Valle Forcola e la Valle del Braulio con la strada che sale al Passo dello Stelvio.

Ritornerò fra un po’ in questo punto. Ora è il momento di salire alla cima orientale del Monte Scale (la principale e più elevata è quella occidentale, q. 2520 m.).

Monte Scale sentiero 197
Verso la cima orientale del Monte Scale (Croce delle Scale)

Imbocco il sentiero (segnavia 197) che sale alla grande croce (q. 2495 m.) raggiungendola abbastanza velocemente.
A fianco c’è un monumento dedicato a tutti i soldati di ogni esercito.

Croce Monte Scale Bormio
Croce delle Scale e, sullo sfondo, Bormio

E’ questo un punto estremamente panoramico. Almeno 30 sono le cime visibili che superano i 3000 metri di quota tra cui i gruppi del Bernina, dell’Adamello, del Cevedale, dell’Ortles.
Molto più in basso la cittadina di Bormio.

Monte Scale Laghi Cancano
Monte Scale e i Laghi di Cancano

Ritorno sui miei passi fino all’ex caserma per poi proseguire in discesa, sempre lungo il tracciato 197, in direzione del Lago delle Scale.
Sullo sfondo le turchesi acque dei laghi di Cancano (Cancano e San Giacomo per la precisione, separati da una sola diga).

Laghi di Cancano Parco Stelvio
Il lago di Cancano e, dietro, quello di San Giacomo

Perdo quota fra praterie d’alta quota.
Scendendo spuntano i primi pini che poi formano un vero e proprio bosco in cui mi addentro.

Arrivato al bivio con il sentiero 198 (q. 1949 m.) tengo la sinistra giungendo, in pochissimi minuti, al Lago delle Scale con le sue belle acque smeraldine sovrastate dalle Cime di Plator.

Lago delle Scale Parco Stelvio
Lago delle Scale

Percorro il tracciato che rimane sulla sponda orientale fino alla strada che seguo, passando davanti al punto di ristoro Chalet Villa Valania, fino al punto di partenza.

DATI ITINERARIO:

  • Escursione effettuata nel luglio 2018
  • Durata*: 3h10′
  • Tempi progressivi*: Torri di Fraele – Caserma Monte Scale (1h30′) – Croce di Monte Scale (1h45′) – Lago delle Scale (2h55′) – Torri di Fraele (3h10′)
  • *I tempi inseriti sono puramente indicativi e corrispondono a quanto indicato nella segnaletica presente in loco integrata da quanto da me impiegato.
  • Dislivello: +700 m. / -700 m.
  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti)
  • Carta escursionistica: Tabacco n. 69 – Livigno-Bormio-Val Viola-Val di Fraele – scala 1:25000
  • Accesso: Da Bormio procedere in direzione Valdidentro. Passato Premadio svoltare a destra per Torri di Fraele e salire fino al parcheggio presso le torri.
  • Trasporto pubblico: Da Milano treno fino a Tirano. Da Brescia treno per Edolo poi bus per Tirano.
    Poi autobus fino a Bormio poi altro per Cancano oppure per Isolaccia (direzione Livigno) e poi Cancano Express (quando attivo).
    (https://www.trenitalia.com/)
    (https://www.bormio.eu/category/about/come-raggiungerci/in-treno-e-in-bus/?c=)
    (http://www.busperego.com/linee-ordinarie.php)
    (https://www.bormio.eu/wp-content/uploads/2019/07/Valdidentro-info-estate-2019-ITA.pdf, da controllare l’aggiornamento)

COMMENTI E NOTE:

  • Ad una prima parte impegnativa e su sentiero friabile segue la seconda metà decisamente più semplice. Tutte l’escursione regala ampi panorami verso valli e cime di questo splendido angolo di Lombardia.
  • Il sentiero che sale alla Caserma Monte Scale presenza diversi tratti esposti, alcuni attrezzati con catene ed è consigliato solo a persone prive di vertigine e dal passo sicuro. Chi ha difficoltà sotto questo punto di vista potrà salire alla Croce di Monte Scala utilizzando anche per l’andata il percorso descritto per la discesa (difficoltà E-Escursionistica).
  • Non esiste la possibilità di ridurre il percorso ma solo di semplificarlo come appena sopra descritto.

Altre escursioni pubblicate in zona:


Hai mai effettuato questo percorso?
Vuoi qualche informazione in più oppure vuoi segnalare, aggiungere o correggere qualcosa?
Ti invito a commentare o a contattarmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *