Il Monte Ventasso dal Rifugio Pratizzano

Il Monte Ventasso dal Rifugio Pratizzano

Bella escursione per sentieri attraverso faggete e praterie dal Rifugio Pratizzano con traversata completa del Monte Ventasso e passaggio dal Lago Calamone.

sentieri Monte Ventasso versante sud-ovest
Risalendo il versante sud-ovest del Monte Ventasso

Guarda la traccia del percorso sulla mappa di Google

La traccia è stata rilevata direttamente ma potrebbe presentare imperfezioni e/o inesattezze.


MAPPA DI LOCALIZZAZIONE


DESCRIZIONE:

Dal Rifugio Pratizzano (q. 1200 m.) imbocco verso sud il sentiero 677-679 attraverso un’antica torbiera oggi trasformata in una bella prateria fiorita parzialmente acquitrinosa.
Un capriolo attraversa poco lontano da me con l’Alpe di Succiso che fa da sfondo.

Pratizzano sentieri
La piana di Pratizzano

Devio quasi subito lungo il tracciato 679 che in salita raggiunge presto la strada asfaltata.

Scollino al Passo Pratizzano per poi seguire a sinistra un sentiero (segnavia 667-679) in discesa in direzione di Vallisnera. Di fronte, lontana, la punta del Monte Cusna.

sentiero 667 679 verso Vallisnera con Monte Cusna sullo sfondo
Scendendo verso Vallisnera con il Monte Cusna sullo sfondo

Raggiunta una mulattiera i tracciati si separano.
Seguo il 667 in direzione di Lago Calamone e Monte Ventasso.

Procedo lungo l’ampio tracciato con numerosi saliscendi e belle vedute in direzione della valle del Secchia mentre la sommità del Monte Casarola e dell’Alpe di Succiso mi guardano le spalle.

Sentiero Passo Pratizzano Monte Ventasso, Alpe di Succiso e Monte Casarola
Il Monte Casarola e l’Alpe di Succiso

Superato un fosso, il percorso si stringe inerpicandosi fra faggete e praterie fiorite. Il panorama spazia dal Monte Cusna fino al Passo del Cerreto.

Una sorgente riempie d’acqua il percorso nel bosco poi un breve tratto aperto regala ancora una bellissima visuale della rigogliosa valle del Fiume Secchia.

Arrivo al bivio fra i sentieri 667 e 667B e mi ritrovo dentro il territorio del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.
Questa porzione di parco consiste in uno stretto corridoio che collega l’area dello spartiacque appenninico a quella della Pietra di Bismantova e dei Gessi Triassici. Da questo momento non ne uscirò praticamente più.

Proseguo lungo il sentiero 667 e mi ritrovo davanti il versante ovest del Monte Ventasso.

sentiero Passo Pratizzano Monte Ventasso
Il versante ovest del Monte Ventasso

Ne inizio la risalita mentre scorgo le prime persone. Sto entrando nell’area più frequentata della zona.

In corrispondenza del bivio fra i sentieri 661 e 661B si aprono due possibilità per raggiungere la vetta sempre più vicina.
Il 661 segue la dorsale ovest lungo la massima pendenza. Io opto per il 661B che traversa comodamente fino a raggiungere la cresta sud-ovest che mantengo fino alla vetta (q. 1727 m.) dominata dalla grossa croce metallica.

Monte Ventasso croce
La vetta del Monte Ventasso

Essendo una montagna piuttosto isolata, da qui si può godere di un bel panorama a 360° sulle alte valli dell’Enza e del Secchia. Più lontano appare il modenese Monte Cimone. Dietro il crinale principale dell’Appennino settentrionale spuntano alcune vette delle Alpi Apuane come il Sumbra, la Tambura e il Pisanino. Oggi la giornata è piuttosto grigia altrimenti si noterebbero all’orizzonte anche le Alpi.

Procedo in discesa verso nord-est lungo il tracciato 661. Alla mia sinistra il Lago Calamone e gli edifici di Ventasso Laghi. Sullo sfondo i Gessi Triassici e la Pietra di Bismantova.

Lago Calamone e Ventasso Laghi
Lago Calamone e Ventasso Laghi

Ad un primissimo tratto erboso segue la salitella all’anticima.
La cresta diviene rocciosa e via via più stretta, il sentiero ripido, sconnesso ed esposto.

Incrocio molte persone così mi fermo spesso per permettere il passaggio a ciascuno.

Dente del Ventasso e Fiume Secchia
Il “Dente” e il fiume Secchia presso i Gessi Triassici

Aggirata una torre di arenaria, il Dente della Vecchia, scendo in picchiata fino al ripiano naturale su cui sorge il trecentesco oratorio di Santa Maria Maddalena (q. 1502 m.) sul cui retro è posto un piccolo bivacco.

Ventasso Oratorio Santa Maria Maddalena
L’oratorio di Santa Maria Maddalena

Imbocco la traccia in direzione del Lago Calamone (segnavia 663-665) e supero un’area di frana in cui è posizionato un parapetto il cui uso ormai è molto limitato, piegato da frane e dalla neve. Ancora saliscendi e arrivo al bivio fra i sentieri 663 e 665.

Attenzione: il tratto appena citato fra Santa Maria Maddalena e il bivio fra i sentieri 663 e 665 è attualmente chiuso per ordinanza comunale.
Vedere nelle Note la deviazione prevista.

Proseguendo lungo il tracciato 663 entro in un umido bosco che termina presso la ripida pietraia in cui il 18 Agosto 1990 è avvenuta la tragedia di “Charlie Alfa” in cui persero la vita 4 membri del 118 (Claudio Marchini, Annamaria Giorgio, Corrado Dondi e Angelo Maffei) che stavano accorrendo in elicottero a soccorrere un uomo ferito da un colpo di fucile.

La faggeta diviene meno rigogliosa e sono presenti alcuni esemplari secolari.

Ventasso Lago Calamone Faggio secolare
Un faggio secolare alle pendici presso il Lago Calamone

Un’ultima discesa lastricata ed eccomi al Lago Calamone (q. 1403 m.), bacino di origine glaciale oggi rialzato di un paio di metri dalla realizzazione di uno sbarramento.

C’è un chiassoso via vai di persone. Troppo comodo arrivare qui dal parcheggio di Ventasso Laghi. Però è il posto ideale per uno spuntino.

Lago Calamone
Il Lago Calamone

Il cielo è completamente velato e la luce non rende merito alla bellezza del luogo sovrastato dal Ventasso.

Riprendo il cammino utilizzando il sentiero 667A. Guadagno quota fra prati fioriti fino ad una bella conca.

Orchidea Lago Calamone
Un’orchidea lungo il sentiero 667A

Sulla sinistra, non lontano da un cippo in legno riportante il numero 13, una traccia nel bosco conduce al Lago Verde, una piccola e nascosta torbiera di origine glaciale immersa nella vegetazione.

Ventasso Lago Verde
Il Lago Verde

Ritornato sul sentiero CAI, continuo a salire fra piacevoli prati circondati dagli alberi.
Raggiungo la sommità di un impianto sciistico, punto di incrocio fra i sentieri 667A e 667B.

Svoltando in salita su quest’ultimo si tornerebbe brevemente sul percorso dell’andata. Io continuo diritto in discesa ad attraversare due piste da sci.

Mi inoltro nel bosco e dopo l’ennesima radura la traccia si allarga perdendo quota veloce e fangosa, utilizzata anche da mezzi agricoli.

Presso la torbiera di Borra Scura raggiungo l’asfalto. Lo seguo a sinistra (segnavia 677) per circa 150 m. poi imbocco una mulattiera che un tempo era la Via Parmesana che collegava Parma con Fivizzano, in Lunigiana.

Pratizzano la via Parmesana sentiero 677
Lungo la “Via Parmesana”

 Raggiunta ancora la strada, ritorno velocemente al Rifugio Pratizzano.

DATI ITINERARIO:

  • Escursione effettuata nel Maggio 2017
  • Durata*: 4h40′
  • Tempi progressivi*: Rifugio Pratizzano – bivio sentieri 667/667B (1h15′) – Monte Ventasso (1h45′) – Santa Maria Maddalena (2h15′) – Lago Calamone (3h00′) – bivio sentieri 667A/667B (3h50′) – Rifugio Pratizzano (4h40′)
  • *I tempi inseriti sono puramente indicativi e corrispondono a quanto indicato nella segnaletica presente in loco integrata, quando assente, da quanto da me impiegato.
  • Dislivello: +700 m./ -700 m.
  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti) da classificazione CAI Reggio Emilia
  • Carta escursionistica: Alto Appennino Reggiano – n. 3 – 1:25000
  • Accesso: Al Rifugio Pratizzano si può accedere sia da Ramiseto che da Collagna a seconda della provenienza. Da Reggio Emilia o La Spezia è meglio la seconda opzione.
  • Trasporti pubblici: Autobus SETA fino a Ramiseto via Castelnovo ne’ Monti oppure Vallisnera via Castelnovo ne’ Monti – Collagna https://www.setaweb.it/

COMMENTI E NOTE:

  • Lo ritengo l’anello più completo e panoramico per raggiungere la cima del Monte Ventasso.
  • Il tratto compreso fra la sommità del Monte Ventasso e Santa Maria Maddalena è classificato come EE nei cartelli posizionati dal CAI di Reggio Emilia soprattutto ad indicare come questa sia la più difficile via di accesso alla vetta e dove comunque essere percorsa da persone dotate di passo sicuro e limitata paura del vuoto.
    La sezione immediatamente successiva, fino al bivio fra i sentieri 663 e 665 è interessata da una frana che comunque richiede passo sicuro.
    Nota: il tratto Santa Maria Maddalena – bivio sentieri 663/665 al momento (gennaio 2021) ufficialmente chiuso per frana da ordinanza del maggio 2018 del Comune di Ventasso.
    Da Santa Maria Maddalena procedere con il sentiero 661 in direzione di Busana poi percorrere il sentiero 661A e, al bivio con il sentiero 665, seguire quest’ultimo a sinistra (direzione Santa Maria Maddalena) fino al bivio con il tracciato 663. La deviazione comporta un aumento di circa 1h di cammino e 150 m. di dislivello.
  • Volendo semplificare e/o accorciare il percorso (difficoltà E), una volta arrivati sulla vetta del Monte Ventasso si può scendere direttamente al Lago Calamone con il sentiero 661.
  • La sezione finale compresa fra il bivio dei sentieri 667A/667B e la località Borra Scura è la meno interessante di tutto il percorso, povera di panorami e piuttosto fangosa durante periodi umidi.
    Chi preferisse evitarla, al bivio citato può svoltare lungo il sentiero 667B e raggiungere velocemente il percorso dell’andata in corrispondenza dell’incrocio fra i sentieri 667 e 667B. Questa soluzione comunque comporta quasi 100 m. di dislivello in più.
    L’itinerario può essere seguito in entrambi i sensi. Nella direzione descritta la sezione più panoramica ed esposta agli agenti atmosferici viene percorsa nella prima parte ma, allo stesso tempo, il tratto più difficoltoso risulta in discesa. La scelta andrebbe quindi fatta considerando le condizioni meteorologiche e le abilità soggettive.

Altre escursioni pubblicate in zona:


Hai mai effettuato questo percorso?
Vuoi qualche informazione in più oppure vuoi segnalare, aggiungere o correggere qualcosa?
Ti invito a commentare o a contattarmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *